07/09/2020
Soluzioni sostenibili per i nuovi pannelli di

Nel complesso sistema della sostenibilità ambientale e del trattamento dei materiali di scarto, affidarsi a partner competenti in grado di offrire soluzioni flessibili e competitive che assicurino un ritorno tanto in termini economici, quanto a livello produttivo, è un atteggiamento capace di fare la reale differenza, soprattutto nell’attualità di un mercato in continuo divenire come quello delle politiche ambientali.

Il gruppo IMALPAL si muove in questa direzione da oltre quarant’anni, producendo una vasta gamma di macchine e impianti altamente affidabili e di veloce implementazione, distinguendosi anche come un gruppo completamente orientato verso le esigenze e i bisogni del cliente, diventando così una tra le aziende leader nel settore del trattamento e pulizia del legno riciclato, fino a trasformarsi da produttore di macchine singole a una realtà capace di offrire impianti chiavi in mano.

Il gruppo IMALPAL è costituito da oltre 500 dipendenti, con un fatturato di circa 250 milioni.

Le nostre esperienze ci hanno portato a realizzare impianti di PB, MDF, OSB e LSB di alta qualità partendo da materia prima non nobile come i residui di lavorazione del legno, legno riciclato, ramaglie, bagasse, paglia, bamboo, palme, etc… Recentemente abbiamo fornito in Cina, per i clienti Shengaoson e Zhongyuan, sistemi di pulizia di legno riciclato per la produzione di particleboard.

Per i clienti Ningfeng e Fengjuan, sempre in Cina, abbiamo fornito tutta la preparazione incluso il sistema di formazione del materasso per la produzione di LSB (Light Strand Board), un pannello con le elevate caratteristiche meccaniche di un OSB ma con la superficie di un pannello truciolare per permetterne la laminazione e/o la verniciatura, e quindi combinare, alte prestazioni, leggerezza, ottima finitura superficiale un unico pannello. Questa soluzione tuttavia non era pioneristica per PAL visto che era già funzionante fina dal 2012 nella linea completa fornita in IPAN in Italia.

Il nuovo grande e crescente utilizzo di biomassa legnosa per usi energetici, sta distogliendo risorse da destinare alla produzione dei pannelli, con conseguente difficoltà nel reperimento della materia prima e aumentando sostanziale del costo di produzione per i produttori di pannelli.

I produttori di pannelli che non hanno la fortuna di possedere piantagioni, si trovano a lottare nel mercato e molto spesso sono costretti a pagare di più rispetto per legno di peggiore qualità rispetto a una volta.

La grande richiesta che ci arriva dal mercato è di usare una percentuale di legno riciclato per la realizzazione di pannelli MDF, tipicamente creati da tronco di legno vergine; per il cliente Hansol, in Corea del Sud, abbiamo installato un selettore ottico che, grazie ad un doppio sistema di telecamere in alto e in basso, è capace di scansionare il materiale da più angolazioni, rilevando la presenza di laminazioni, PVC, etc, indipendentemente dalla sua posizione rispetto al piano di trasporto.

La società si è evoluta adattando la propria offerta alle richieste del mercato, fino a trasformarsi da produttore di macchine singole a una realtà capace di offrire impianti chiavi in mano